COME MUOVERSI IN SRI LANKA

Una delle cose che ho sempre apprezzato dei miei viaggi in Asia è il fatto di potersi muovere in qualsiasi direzione e senza difficoltà, senza mai preoccuparsi troppo di prenotare con largo anticipo il mezzo. A parte rari casi, ho sempre viaggiato su autobus  molto comodi e con l’aria condizionata, dove anche più di 6 ore di viaggio passavano senza troppi problemi.

In Sri Lanka non è stato così!

C’è da fare una doverosa promessa, però. Noi abbiamo viaggiato in un periodo dell’anno particolare: esattamente durante la settimana del loro Capodanno. Il 13 Aprile per i singalesi è il nostro 31 Dicembre. Ma loro non si limitano a festeggiare il nuovo anno, essendo l’unica settimana dell’anno nella quale tutte le aziende e le scuole chiudono, si muovono in massa. Giustamente sono le loro vacanze, ma il problema per noi turisti è che sia i luoghi di interesse sia e soprattutto i mezzi pubblici vengono presi d’assalto. E il problema è che il singalese medio non si fa tanti problemi di spazio … ma ragiona così: più ce ne sta è meglio è!! Così vi ritroverete schiacciati come sardine su treni e autobus, con bambini sui piedi, venditori ambulanti con ceste enormi di vimini che spingono per passare – perché loro comunque devono andare avanti a fare il loro lavoro … fa niente che non si respira! … Figurati se ho voglia di mangiare una cosa sconosciuta fritta e piccante!!!

A parte queste piccole disavventure e la settimana particolare che abbiamo vissuto noi … vorrei darvi qualche consiglio per organizzare al meglio i vostri trasferimenti da una città all’altra.

Sono curiosa di sapere da voi se chi ha viaggiato in altri periodi ha avuto gli stessi problemi o se è stata una situazione eccezionale, fatemi sapere;)

Per l’itinerario completo fate riferimento al mio INFO POST.

Colombo – Tissamaharama – Ella > DRIVER PRIVATO

Per i primi due giorni abbiamo prenotato, via mail, un driver con l’agenzia Michelle Tours. Il mezzo era molto confortevole: un minivan da 6 posti (dato che eravamo in 4). Abbiamo speso in totale 220$ per i due giorni (quindi 55 $ a testa). Non è poco, ma è stato comodissimo perché in questo modo siamo riusciti a fare il trasferimento fino a Tissa in un solo giorno (ci vogliono circa 6 ore) e soprattutto abbiamo ottimizzato i tempi riuscendo a fare delle soste intermedie, a Galle e in zona Tangalle per vedere le spiagge (cosa che con i mezzi pubblici non avremmo potuto fare).

Da Tissa, una volta terminato il Safari, siamo partiti immediatamente verso Ella e così siamo riusciti a sfruttare anche il pomeriggio per fare una passeggiata a Little Adam’s Peak a Ella.

Speravo di avere un driver un po’ più loquace, per poter chiacchierare con un local, invece, è stato molto discreto ed era quasi in imbarazzo quando gli rivolgevamo la parola, quindi non ho insistito!

Ella – Kandy > TRENO + AUTOBUS + TAXI

Una delle cose che più desideravo di questo Viaggio in Sri Lanka era godermi il viaggio in treno. Ho letto racconti e visto tantissime foto e video di quel trasferimento. Mai mi sarei aspettata tante persone, ma ahimè il Capodanno ha colpito! E da questo momento in poi ci siamo resi conto che questa festività sarebbe stata per noi causa di problemi …

Noi abbiamo viaggiato in seconda classe (110 Rupie) … e meno male che non abbiamo preso la terza, altrimenti sarebbe stato molto peggio!!

Io adoro le esperienze autentiche, quelle che ti fanno stare a contatto dei locals e che ti permettono di vivere come loro. Soprattutto i viaggi in treno trovo che abbiano sempre un certo fascino e anche questo, nonostante la ressa di persone, lo ha avuto …

Ma le persone erano davvero troppe! Quando il treno è arrivato alla stazione di Ella era già pieno e non siamo riusciti a prendere posto a sedere, ma non era niente in confronto alla folla di gente che è salita alla fermata successiva!!! Il tragitto è stato bellissimo e il panorama, quando siamo riusciti ad affacciarci dalle porte aperte, era magnifico.

Avrei voluto viaggiare seduta sulla porta, proprio come fanno i singalesi … non immaginavo di dover lottare con le persone per ritagliarmi un microspazio e tenere per 3 ore vari bambini sui piedi!!

Ma nonostante tutto conservo un bellissimo ricordo di questa esperienza … e se anche fosse così tutti i giorni la rifarei comunque! Sarò pazza?!

Volendo è possibile fare tutta la tratta fino a Kandy in treno, ma ci vogliono circa 6-7 ore. Noi abbiamo preferito scendere alla fermata di Nanu Onya, dopo 3 ore di viaggio.

Da qui, per raggiungere Nuwara Elya, si può prendere un autobus (20 Rupie) dove si arriva in pochi minuti.

A Nuwara Elya, di fronte alla stazione degli autobus, ci sono moltissimi taxi – non aspettatevi la classica automobile, ma si tratta di minivan. Dopo aver contrattato il prezzo migliore, per 6500 Rupie ci ha portato a Kandy, in circa 3 ore.

Volendo si può prendere il bus, ma nella condizione in cui avevamo viaggiato in treno, abbiamo scelto la comodità del taxi!

Kandy – Dambulla > AUTOBUS

La stazione degli autobus di Kandy si trova accanto alla stazione dei treni, se partite dal centro, potete raggiungerla facilmente con un tuk tuk.

Abituata alle belle stazioni thailandesi e malesi, mi aspettavo un ufficio dove poter fare il biglietto, prenotare il posto a sedere e chiedere informazioni circa gli orari. No. Niente di tutto questo. Niente biglietto, niente prenotazione e soprattutto nessuno che ci abbia dato informazioni!!

La stazione era un enorme piazzale invaso da autobus e persone urlanti. Per capire che autobus prendere bisogna avvicinarsi all’autista e chiedere se passa per la città! E detta così sembra anche semplice … ma non lo è stato: ogni volta che chiedevamo se andava a Dambulla, facevano finta di non capire!!

Per fortuna avevamo una mappa offline e siamo riusciti a trovare la città di destinazione finale dell’autobus che avevamo davanti e abbiamo scoperto che passava per Dambulla. Ma abbiamo dovuto insistere parecchio con l’autista perché non voleva farci salire!! Dopo ho capito cosa stesse succedendo: stava dando precedenza ai singalesi. Una volta fatti accomodare tutti, ha fatto salire noi turisti! E dopo di noi sono salite tante altre persone … e alè, altro giro di sardine schiacciate!!!

L’autobus che abbiamo preso era quello per Nochchyagama, che in 2 ore arriva a Dambulla (prezzo 100 rupie). I mezzi sono esteticamente molto caratteristici, ma sembrano più autobus per brevi spostamenti, perché i sedili sono scomodi, sono senza aria condizionata e non c’è molto spazio per i bagagli!

E’ stata un’impresa prendere quell’autobus, abbiamo viaggiato molto scomodamente, ma abbiamo conosciuto tante persone carine! Io ho viaggiato accanto ad una famiglia che aveva un bambino che avrà avuto 1 anno e dall’altra parte avevo una coppia che ci è stata d’aiuto per capire la direzione del pullman. Per fortuna esistono persone così gentili!

Dambulla – Colombo > DRIVER

Per l’ultimo trasferimento, il proprietario della guesthouse dove dormivamo, ci ha organizzato, per 8000 Rupie, il viaggio in minivan.

Ci aspettavamo un mezzo confortevole come il primo minivan che avevamo preso … invece … la sfiga con i mezzi non era finita!!

Siamo saliti su questa autovettura vecchia e sporchissima, con i sedili traballanti e in velluto (che con il caldo che faceva puoi immaginare!), ma soprattutto non andava l’aria condizionata!! Abbiamo fatto 4 ore su una strada sconnessa e piena di lavori stradali (quindi polvere a go go), nel traffico singalese … con i finestrini aperti!!

E’ stato un incubo!!!

Ma siamo arrivati vivi in aeroporto.

Diciamo che la mia esperienza sui mezzi singalesi è stata tutta in salita. Dopo il primo minivan è stato un susseguirsi di mezzi che hanno certamente caratterizzato la nostra vacanza. E seppur in quei momenti non ero la persona più felice e rilassata del mondo, oggi a distanza di qualche mese, posso dire che non cambierei il modo in cui ci siamo spostati per il Paese! Sarò pazza, ma credo che queste siano le esperienze che fanno la differenza, che rendono un viaggio degno di essere vissuto, perché è il bello del “fai da te”!

Sono certa che in un altro periodo dell’anno sarebbe stato decisamente meglio, perché in fondo, la cosa peggiore è stata la ressa di persone. Tutto il resto merita di essere vissuto in questo modo!

Ma se proprio sei una persona che fatica ad adattarsi, il mio consiglio è quello di prenotare un driver e farsi portare in giro per tutta la vacanza.

Ti perderai, però, il contatto con le persone, i sorrisi dei bimbi, le donne che ti offrono uno snack per spezzare il viaggio, il papà che tiene il suo bimbo sulle gambe a penzoloni del treno … ti perderai l’occasione di vivere lo Sri Lanka come un vero singalese e di scoprire realmente la vera identità di questo Paese.

DCIM100GOPROGOPR0950.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *