[INFO POST] Guatemala & Belize

Ecco a voi il mio itinerario completo di 3 settimane in Guatelize (come l’abbiamo ribattezzato noi!). Abbiamo dedicato 2 settimane al Guatemala (e mi sembra un periodo giusto per visitare le principali città con qualche deviazione in più!) e 1 settimana al Belize (l’ideale per concludere la vacanza in totale relax).

Come al solito vi ho preparato la mappa dell’itinerario e più avanti troverete giorno per giorno le varie tappe per affrontare al meglio questo viaggio. Se avete qualche curiosità in più, scrivetemi e sarò felice di aiutarvi! Per quanto riguarda il dettaglio degli spostamenti (mezzi utilizzati, prenotazioni e prezzi) scriverò un post ad hoc!

Prima di partire eccovi qualche consiglio!

Che tempo troverò in Centro America?

 

Certamente Agosto non è il periodo migliore per visitare questa parte di Mondo! Noi però siamo stati fortunatissimi. Nei giorni trascorsi in Guatemala ha piovuto solo 3 volte, per poco tempo e durante gli spostamenti.  Nella prima parte del viaggio, tra Antigua e il Lago Atitlan, le temperature sono comunque primaverili tutto l’anno, quindi si sta decisamente bene: caldo durante il giorno e più freschino la sera!

In Belize abbiamo scampato l’uragano … e quando siamo arrivati noi ha fatto sempre bello, tranne qualche pioggia in serata e un temporale di pochi minuti mentre eravamo in barca durante un’escursione. Per il resto … sole caraibico … caldissimo!!

Che documenti mi servono per partire?

Ovviamente il Passaporto con validità residua di almeno 6 mesi.

Per quanto riguarda il VISTO, sia per il Guatemala sia per il Belize non dovrete fare nulla in anticipo, ma sarà sufficiente compilare il modulo che vi consegneranno in aereo (o alla dogana se come noi arriverete in Belize via terra).

Attenzione! Arrivando dall’Italia, è molto probabile che facciate scalo negli Stati Uniti. Ricordatevi che, anche se si tratta di uno scalo e non uscirete dall’aeroporto, DOVETE FARE L’ESTA E IL CONTROLLO DEI BAGAGLI!!

Inoltre, se come noi transiterete dal Canada, avrete bisogno dell’autorizzazione prima di partire, facendo on line l’ETA . Vi servirà anche se non uscirete dall’aeroporto!

Soldi, soldi, soldi!

 

In Guatemala non è così semplice cambiare gli Euro e sopratutto, dove è possibile, vi faranno un tasso di cambio altissimo! Assolutamente sconveniente, sopratutto in aeroporto a Guatemala city … possono arrivare a chiedere quasi 60€ di commissione!! Se proprio hai necessità di cambiare al tuo arrivo in aeroporto, vai alle partenze (che si trovano al piano superiore rispetto agli arrivi): ti faranno un tasso un pochino più basso.

Il mio consiglio è di arrivare con i Dollari e cambiarli sul posto, sia in Guatemala che in Belize. Non portarti comunque tanti contanti perchè potrai prelevare con facilità. In Guatemala addirittura non c’erano limiti di prelievo, cosa che, invece, c’era in Belize (noi non potevamo prelevare più di 80$).

In ogni caso, prima di partire ricordati di SBLOCCARE I LIMITI DELLA TUA CARTA e per qualsiasi dubbio chiedi informazioni alla tua Banca.

Come sono gli alloggi?

In America gli alloggi sono più cari rispetto all’Asia. Per avere maggiori comfort, bisogna spendere un po’ di più! Fortunatamente noi essendo in 4 (e andando d’accordo!!) siamo riusciti a risparmiare qualcosa dividendo le camere.

In media, a notte, abbiamo speso: circa 20€ a testa in Guatemala e circa 25€ in Belize (anche se il nostro era un alloggio economico e la maggior parte degli hotel sono decisamente più cari).

E il cibo?

 

Il cibo in Guatemala è molto buono, anche se mi aspettavo più varietà! Si mangiano principalmente tortillas, carne e verdure. Molto simile al cibo messicano.

In Guatemala spenderai dai 6 ai 10 € a pasto.

Per quanto riguarda il Belize, Agosto è la stagione delle aragoste e noi non ce le siamo mai fatte mancare!! Aragosta alla griglia, burritos di aragosta, hamburger di aragosta!!! Per soli 8 € non potevamo lasciarla li!!

Per mangiare in Belize puoi considerare dai 10 ai 15€ a pasto.

E ora direi che si parte!! … Un, dos, tres … vamos!

copertina-infopost-01

SCHEDA DI VIAGGIO: Guatemala & Belize

Periodo: dal 05 al 28 Agosto 2016

Giorni: 23

Partecipanti: 4 persone (2 coppie) – età media 33 anni

Spesa totale a persona: 2.900€ (di cui 920€ volo intercontinentale, 225€ trasporti interni, 740€ in Guatemala per alloggi, escursioni e pasti,  630€ in Belize per alloggi, escursioni e pasti, 70€ giornata a Toronto, circa 250€ per extra, 58€ per assicurazione medica)

Mezzi utilizzati: autobus e minivan

Bagaglio: zaino

Tappe: Milano Malpensa – Newark – Houston – Guatemala city – Antigua – Panajachel – Chichicastenango – Quetzaltenango – Panajachel – Semuc Cahampey – Rio Dulce – Tikal – Belize city – Caye Caulker – Dangriga – Belize City – Houston – Toronto – Milano Malpensa.

mappa-guatelize-01

clicca sulla mappa per ingrandirla

ITINERARIO

PARTENZA: Il volo è stato prenotato, come al mio solito con largo anticipo, nel mese di Gennaio, direttamente dal sito della United Airlines. La combinazione che abbiamo scelto noi prevedeva l’andata su Guatemala City e il ritorno con partenza da Belize city (opzione volo multitratta). Al rientro, inoltre, abbiamo scelto di fare uno scalo lungo di 23 ore a Toronto per visitare le Niagara Falls … come al solito non perdo mai l’occasione di visitare UNA CITTA’ AL VOLO!

Siamo partiti da Milano Malpensa e all’andata abbiamo fatto il primo scalo a Newark e il secondo a Houston. Vi ricordo che se anche voi farete scalo negli Stati Uniti dovrete essere in possesso dell’ESTA e dovrete ritirare il bagaglio, fare la dogana e rimbarcarlo. A Newark considerate 1 ora e mezza per fare tutto!!

La compagnia aerea non è stata delle migliori … il servizio è stato molto molto basic ed è stato servito un unico e misero pasto sul volo più lungo.

PRIMA TAPPA: Guatemala City (1 notte) – Siamo arrivati a Guatemala City attorno alle 21 di sera. Purtroppo non so darti molte informazioni riguardo a questa città, anche se molti sconsigliano di girarla di sera. Per fortuna il nostro hotel ci ha mandato una persona a prenderci, così siamo andati dritti dritti a farci una doccia e poi a dormire!

Alloggio: Mariana’s Petit Hotel – 44€/notte per camera matrimoniale e colazione. Abbiamo dormito vicino all’aeroporto, dato che non ci interessava visitare la città e il giorno seguente siamo partiti per Antigua. Hotel semplice ma pulito e comodo per trascorrere una notte. Colazione tipica, preparata sul momento … ottima!

SECONDA TAPPA: Antigua (1 notte) – la città dista circa 1 ora di auto da Guatemala City. Il proprietario del nostro hotel di Guatemala C. ci aveva proposto varie alternative, alla fine il taxi, diviso per 4 persone, si è rivelata essere la soluzione più economica e comoda! Abbiamo speso 30$ in totale.

Alloggio: Hotel Aurora – 81€/notte per camera matrimoniale e colazione. Abbiamo soggiornato in questo hotel per 2 notti alternate perché la seconda notte l’abbiamo passato in una tenda a 3500 metri, sul Vulcano Acatenango! L’hotel è meraviglioso. Ha una corte interna con un giardino curatissimo e le camere sono spaziose e pulite. Dalla colazione invece mi aspettavo qualcosa di più!

Da fare:  Antigua è una cittadina molto piccola. E’ piacevole girare per le vie acciottolate del centro, senza una precisa meta, senza perderti ovviamente il Parque Central e i suoi dintorni, le vie acciottolate e gli scorci dei Vulcani.

In mezza giornata la girerai più di una volta! Nel pomeriggio ti consiglio di fare una passeggiata fino al Cerro de la Cruz per ammirare tutta Antigua dall’alto.

Potresti seguire l’itinerario a piedi proposto a pag. 83 della Lonely Planet.

TERZA TAPPA:  Vulcano Acatenango (1 notte) – durante il primo giorno trascorso ad Antigua abbiamo prenotato, per il giorno successivo, nell’Agenzia GT Adventure Tours, l’escursione di 2 giorni sul Vulcano Acatenango, al prezzo speciale di 20$ (compresa guida, tenda, materassino, sacco a pelo, cena, colazione e pranzo).

Alloggio: tenda!

Da fare: il primo giorno il trekking del Vulcano durerà circa 6 ore, comprese le pause, partendo dalla quota di 2200 m. Siamo arrivati al campo base, a 3500 m, verso le 16.30. Abbiamo montato le tende e ci siamo goduti lo spettacolo del Vulcano Fuego, che eruttava davanti ai nostri occhi! Avrò modo di raccontarvi meglio quest’esperienza incredibile.

QUARTA TAPPA: Antigua (1 notte) – la giornata è iniziata molto presto sul Vulcano Acatenango: alle 4 del mattino abbiamo iniziato a percorrere gli ultimi 400 metri di dislivello per raggiungere la vetta del vulcano. Siamo arrivati giusto in tempo per vedere l’alba e lo spettacolo è stato meraviglioso! La fatica più grande della mia vita, ma ne è valsa la pena!!

Alloggio: Hotel Aurora – 81€/notte camera matrimoniale e colazione. Stesso hotel della seconda tappa ad Antigua e ci hanno addirittura dato una camera ancora più grande!Forse hanno voluto premiarci per le fatiche del Vulcano?!

Da fare: Siamo rientrati ad Antigua verso le 12. Siamo andati prima a mangiare e poi siamo tornati in hotel per una lunghissima doccia rigenerante. Poi, puliti e profumati … siamo svenuti nel letto per la stanchezza!! Il Vulcano fa quest’effetto! Al nostro risveglio, però, ci siamo goduti l’ultima serata per le vie di Antigua ed una deliziosa cenetta.

QUINTA TAPPA: Panajachel – Lago Atitlan (1 notte) – abbiamo prenotato il trasferimento da Antigua a Pana presso l’agenzia con la quale abbiamo organizzato l’escursione al vulcano. Siamo partiti con un minivan verso le 8 e in circa 2 ore e mezza siamo arrivati sul Lago Atitlan.

Alloggio: Hotel Utz Jay – 74€/notte camerata con due letti matrimoniali. Hotel molto bello, immerso in un curatissimo giardino di piante e fiori. Camera e bagno molto piccoli!

Da fare: Sul Lago sarebbe bello poter trascorrere più giorni di relax. Un giorno e mezzo è sufficiente per vedere alcuni Villaggi. Durante il pomeriggio del primo giorno abbiamo fatto il giro, con una barca privata, di 3 villaggi sul lago: San Pedro, San Juan e San Marcos.

Il giorno seguente siamo andati a piedi fino a Santa Catarina Palopò (circa 40 minuti). Da qui, dopo aver visitato il piccolissimo villaggio, siamo saliti su un pick up (già solo questo vale l’esperienza!) e ci siamo fatti portare a San Antonio Palopò.

Rientrati a Pana abbiamo fatto un giretto della cittadina, piccola e molto turistica, ma comoda come punto di partenza per gli spostamenti e per lo shopping!

SESTA TAPPA: Chichicastenango (1 notte) – Abbiamo prenotato il trasferimento in una delle tantissime agenzie presenti a Pana. Siamo partiti alle 16 (ultimo orario disponibile) e in 1 ora siamo arrivati a Chichi. Abbiamo scelto di dormire in questo paesino, al posto di fare l’escursione dal Lago, come molti preferiscono fare, per assistere ai preparativi del mercato ed essere già sul posto la mattina presto.

Alloggio: Hospedaje San Jeronimo – 19€/notte camera matrimoniale. Prenotato via mail. Hotel molto, molto semplice! Non farei più di una notte!!

Da fare: ovviamente mercato! Perdersi tra le bancarelle, tra i colori del mercato e fare del gran shopping! Ti consiglio anche una breve visita al cimitero che è coloratissimo!

SETTIMA TAPPA: Quetzaltenango (1 notte) – l’unica agenzia che da Chichicastenango organizzava un trasfer per Xela (così viene chiamata dagli abitanti) era l’agenzia Chichi Maya Travel. L’alternativa sarebbe stata prendere un chicken bus, che però a Chichi arriva sempre strapieno (almeno così ci hanno detto i locals) e poi effettuare un cambio. Abbiamo scelto la comodità! E in circa 2 ore siamo arrivati in città.

Alloggio: Hostel Casa Nativos – 47€/notte mini appartamento con due camere. Per la prima volta in vita mia ho fatto una recensione pessima su Booking, con tanto di fotografie! Nonostante il punteggio alto, la sistemazione che ci hanno dato era al limite dell’igiene e della decenza. Probabilmente le camere dell’ostello erano anche più belle, ma a noi ci hanno rifilato una sottospecie di appartamento lercio! Quindi assolutamente ve lo sconsiglio!

Da fare: nonostante Xela sia la seconda città più grande del Guatemala, non mi è piaciuta molto. Il nostro obbiettivo però era il mercato di San Francisco El Alto, che assolutamente vale il viaggio! Abbiamo prenotato un taxi privato (a quanto pare muoversi da Xela è impossibile con mezzi low cost e poi ci sono pochissime agenzie!). Il taxi ci ha portati a vedere il mercato, ci ha aspettato per tutto il tempo e poi da li ci ha riportati a Panajachel.

OTTAVA TAPPA: Panajachel (1 notte) – siamo arrivati in città con il taxi nel primo pomeriggio. Abbiamo deciso di tornare sul Lago perché è un comodo punto di partenza per andare a Semuc Champey, senza dover tornare ad Antigua o a Guatemala City. Avevamo già prenotato con l’agenzia il trasferimento in autobus: partenza alle 7 del mattino … 10 ore di viaggio!

Alloggio: Hotel Posada Chinimaya – 36€/notte camera matrimoniale con colazione. Hotel molto carino e pulito, lo consiglio!

Da fare: giretto per la città di Pana e ultimo shopping nella zona maya: considerate che da Semuc in poi, tutta la zona est del paese cambierà molto e non troverete più nulla di così caratteristico.

NONA TAPPA: Semuc Champey (2 notti) – il Viaggio da Pana a Semuc, passando da Lanquin è uno dei tragitti più lunghi e faticosi del viaggio! Tra tutto (ritardi, soste, cambio del mezzo a Lanquin) abbiamo impiegato 12 ore.

Alloggio: Greengos Hotel – circa 39€/notte capanna. Il posto è magnifico, il proprietario un po’ meno! Al nostro arrivo ci ha fatto davvero impazzire perché aveva cancellato la nostra prenotazione e così ha fatto con tutti gli altri ospiti! Noi abbiamo dormito la prima notte in una capanna senza bagno e la seconda in una capanna con il bagno, ma con i nostri amici, aggiungendo un materasso per terra! Considerate che avevamo prenotato 2 capanne con bagno privato! Quindi, se tralasciamo questo simpatico personaggio … capanne, aree comuni, terrazza dove si mangia e location sono stupendi! Inoltre si trova a soli 10 minuti a piedi dall’ingresso di Semuc.

Da fare: Semuc è immersa nella giungla! Ti consiglio di fare la passeggiata fino alle pozze d’acqua, pagare il biglietto e prima di andare a fare il bagno arrampicarti fino al mirador: potrai ammirare dall’alto le magnifiche pozze e scattare qualche foto. Poi torna giù e rilassati nell’acqua! Nel pomeriggio, assieme ad una guida entra nelle caverne per un’esperienza unica: caving, ovvero l’esplorazione della grotta completamente buia, immerso nell’acqua e con una candela accesa ad illuminare la via!

DECIMA TAPPA: Rio Dulce – giungla (1 notte). Da Semuc Champey siamo tornati a Lanquin, con un pick up dell’hotel. Da qui a bordo di un minivan, in circa  5 ore e mezza siamo arrivati a Rio Dulce. Ancora una volta la strada era pessima: sterrato, dossi e curve! Ma siamo sopravvissuti e ci siamo subito rilassati alla sola vista delle tranquille acque del Rio Dulce! Dal porto di Rio Dulce, l’ultima barca pubblica per raggiungere gli hotel sul lago è alle 14.30. Se arrivate dopo vi consiglio di organizzare il trasferimento con il vostro hotel.

Alloggio: El Hotelito Perdido – 54€/notte capanna per 4 persone. Questo è stato l’alloggio più caratteristico della vacanza, una capanna in mezzo alla giungla. Assolutamente lo consiglio per un’esperienza wild!

Da fare: appena arrivati abbiamo affittato i kayak dell’hotel e siamo andati ad esplorare il Rio Dulce, ci sono delle mangrovie bellissime! La mattina seguente ci siamo alzati all’alba e, accompagnati da Federico, siamo andati in giro ancora con i kayak per circa un paio d’ore. Appena rientrati ci siamo fatti accompagnare, sempre da Federico, a Livingstone per la visita della cittadina garifuna (potete considerare circa 3-4 ore da spendere li, compreso il pranzo).

UNDICESIMA TAPPA: Rio Dulce (1 notte). Ci siamo spostati più vicino alla città, ma dormendo sempre affacciati sul lago. Abbiamo optato per questa scelta per essere più vicini alla fermata dell’autobus per raggiungere la mattina seguente Tikal.

Alloggio: Hotel Tortugal – 58€/notte camera per 4 persone con due letti matrimoniali e bagno in comune. Anche questo hotel è molto curato. Anche se i bagni sono in comune, sono decisamente più puliti e comodi di altri bagni che abbiamo avuto in camera! Inoltre, vi consiglio di provare la cucina … si mangia benissimo!

Da fare: noi siamo arrivati nel tardo pomeriggio perchè abbiamo trascorso la giornata a Livingstone. Anche da questo hotel è comunque possibile fare varie attività sul Rio.

DODICESIMA TAPPA: Tikal (1 notte). Da Rio Dulce abbiamo raggiunto prima Flores con un autobus pubblico e ci abbiamo messo circa 3 ore. Arrivati a Flores abbiamo preso un minivan, sempre pubblico, e in circa 1 ora ci ha portati direttamente al nostro hotel di Tikal.

Alloggio: Jungle Lodge Tikal Hostal– 129€/notte camera per 4 persone con 2 letti matrimoniali. Decisamente l’hotel più “lussuoso” della vacanza. La camera era bellissima e il bagno ancora di più!! E la cosa più comoda è che si tratta dell’hotel più vicino all’ingresso del sito archeologico, solo 10 minuti a piedi. Avendo del tempo libero … c’è anche la piscina!

Da fare: ovviamente esplorazione del sito archeologico più famoso del Guatemala! Non è necessario girare con una guida, noi l’abbiamo visitato in autonomia, con l’aiuto della Lonely Planet. Metti in conto almeno 4 ore per visitare tutti i siti principali del parco.

TREDICESIMA TAPPA: Flores (1 notte). Siamo tornati a dormire a Flores per due motivi. Il primo è che questo ci ha permesso di prendere il primo autobus del mattino per andare in Belize e poi perchè Flores è una delle città più carine del Guatemala (dopo Antigua ovviamente!).

Alloggio: Hotel Isla de Flores – 102€/notte camerata per 4 persone con 2 letti matrimoniali. Questo hotel è degli stessi proprietari del Jungle Lodge Tikal … infatti è delizioso! Si trova in una posizione sull’Isla del Flores, comoda per girare le vie del centro. Assolutamente consigliato!

Da fare: girare per le viette del centro e fare l’ultima cena a base di Tortillas prima di lasciare il Paese!

QUATTORDICESIMA TAPPA: BELIZE – Caye Caulker (4 notti). Da Flores abbiamo preso il primo autobus delle 5.00 e alle 11 in punto eravamo al porto di Belize City. Da qui abbiamo dovuto aspettare la barca delle 12 e in 1 ora siamo arrivati a Caye Caulker.

Alloggio: Costa Maya Cabanas – 53€/notte camera matrimoniale. Prenotato direttamente dal sito. Nonostante l’hotel fosse pulito e in una posizione comodissima (a pochi passi dallo Split), la camera era davvero minuscola. Aveva tutte le comodità però: aria condizionata, letto comodo, pulizie della camera quotidiane, bagno privato e frigo!

Da fare: … beh … mare! Scherzi a parte, Caulker è un’isola piccolissima dove rilassarsi è d’obbligo! In quattro giorni ti consiglio di fare almeno un’escursione di snorkeling con la barca ed eventualmente andare a fare un giro nell’isola vicina, San Pedro. Il resto del tempo potrai passarlo allo Split, il punto più bello dal quale tuffarsi in acqua. Unico appunto che è d’obbligo fare … non ci sono spiagge… ma devo dire che non mi sono proprio mancate!!

QUINDICESIMA TAPPA: Crociera (2 notti). Da Caye Caulker abbiamo prenotato una crociera in catamarano con Raggamuffin Tours. Siamo partiti verso le 9 del mattino e abbiamo navigato verso sud per 3 giorni, fino a Dangriga. La crociera è costata 350$ a persona e comprendeva tutto: pasti, alloggio, snokeling.

Alloggio: Questa non è una classica crociera, non si dorme sulla barca, bensì su isole deserte … in tenda! Un’esperienza indimenticabile e unica!

Da fare: Abbiamo trascorso 3 giorni facendo solo snorkeling, pescando, prendendo il sole, leggendo un libro … 3 giorni meravigliosi in compagnia di altri 18 ragazzi e del fantastico staff di Raggamuffin.

SEDICESIMA TAPPA: Belize city (1 notte). Al termine della crociera, il catamarano ci ha lasciati a Dangriga, a sud del paese. Da qui abbiamo preso l’autobus delle 17.30 (express perchè fa solo una fermata) e alle 20 siamo arrivati a Belize city.

Alloggio:  Easy Inn Hotel – 68€/notte camerata per 4 persone con 2 letti matrimoniali. Hotel molto semplice, ma sulla strada dell’aeroporto.

Da fare: non abbiamo visitato Belize city, ma era solo una sosta “tecnica” per andare in aeroporto.

DICIASSETTESIMA TAPPA: Toronto (1 notte). Abbiamo scelto di spezzare il lungo viaggio verso casa, facendo una tappa a Toronto per visitare le Cascate del Niagara. Lo scalo era di 23 ore. Siamo atterrati a Toronto verso le 23, abbiamo noleggiato una macchina e siamo andati a dormire in un hotel vicino all’aeroporto. La mattina seguente ci siamo diretti a Niagara Falls.

AlloggioFairfield Inn & Suites by Marriott Toronto Airport – 92€/notte suite per 4 persone con 2 letti matrimoniali e colazione. Hotel a 5 minuti dall’aeroporto. In perfetto stile Mariott: elegante, camere spaziose e ricca colazione a buffet!

Da fare: in un giorno abbiamo avuto il tempo di ammirare le cascate del Niagara, andare a pranzo a Niagara on the Lake, un delizioso paesino sul lago e fare un’oretta di shopping in un Outlet lungo la via del rientro verso l’Aeroporto.

DICIOTTESIMA TAPPA … Ahimè, Casa!!

5 thoughts on “[INFO POST] Guatemala & Belize

  1. Vi ho seguito in diretta e vi faccio i complimenti per la scelta della meta e per lo splendido viaggio che avete vissuto! Queste informazioni utilissime prima o poi mi serviranno…
    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *