[INFO POST] Indonesia

Tornata da 3 settimane in Indonesia, eccomi a trascrivere tutte le informazioni raccolte durante questo incredibile viaggio: tappe, mezzi utilizzati, prezzi e tanti consigli che spero possano esservi utili nell’organizzazione dell’itinerario!

Come sempre il Sud Est Asiatico non mi delude mai e questo Paese in particolare mi è piaciuto tantissimo, tanto che mi ha fatto venire voglia di tornarci al più presto per scoprire altre isole.

E’ un viaggio vario che può soddisfare tutti i gusti: abbiamo scalato vulcani, visitato città, ammirato templi, nuotato in un mare me-ra-vi-glio-so con un’infinità di pesci, siamo andati alla ricerca dei grandissimi draghi di Komodo e visitato le magnifiche risaie di Jatiluwith, abbiamo fatto corsi di yoga e di cucina e ci siamo rilassati grazie ai tipici massaggi javanesi e balinesi.

Prima dell’itinerario completo, ho raccolto nelle “INFO UTILI” le risposte alle domande più frequenti che mi avete fatto.

INFO UTILI

✈️ Next stop 🔜 #INDONESIA Manca davvero poco!! Tra poche ore saliremo a bordo di un aereo che ci porterà a #Jakarta dove avrà inizio il nostro tour alla scoperta dell'Indonesia 😍 Ci sono più di 17.000 isole…e noi ne visiteremo "solo" 5: #Java, #Bali, #Kanawa, #Komodo e #Lombok! 😬🏝 Se avete consigli su cosa vedere, dove mangiare e attività da non perdere…scrivetemi!! Per seguirmi in questa nuova avventura mi trovate anche su Facebook @laginamondo Buone Vacanze Mondo!🌏😍✈️ #laginamondo #laginainindonesia #travel #travelblogger #gopro #goproit #goprohero #goprophotography #passportready #emirates #legami #lonelyplanet #visitindonesia #asia #picoftheday #nextstop #speaklesstravelmore

A post shared by Anouchka | Travel blog✈️ (@laginamondo) on

Quanti giorni servono?

L’Indonesia è immensa … ci sono più di 17.000 isole!!! Noi in 3 settimane ne abbiamo visitate “solo” 4. Ma le combinazioni sono tantissime e più tempo avete e meglio è! Certamente l’Indonesia merita più di un viaggio! E sono certa che quando tornerò ripartirò da Flores e mi sposterò nel Sulawesi.

Che documenti mi servono per entrare in Indonesia?

Per i cittadini italiani è sufficiente il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi. All’arrivo in Indonesia vi verrà apposto il timbro che vi permetterà di fermarvi per massimo 30 giorni.

Che clima c’è durante la nostra estate?

Agosto è uno dei mesi migliori per andare in Indonesia. Il clima è fantastico, perché rispetto al resto del Sud Est Asiatico dove l’umidità è insopportabile e il rischio piogge in questa stagione è alto, in Indonesia fa caldo ma è secco, quindi non si suda!!! Oltre al fatto che non piove quasi mai! Noi in 3 settimane non abbiamo mai visto la pioggia!

Con che moneta è meglio partire?

Il mio consiglio è di partire dall’italia con gli Euro e cambiarli direttamente al vostro arrivo in Rupie Indonesiane (portatevi un portafoglio capiente!!). Evitate di partire con i dollari (a meno che non li abbiate già a casa ovviamente).

Vi sconsiglio di cambiare all’interno dell’aeroporto di Jakarta, dove i tassi di cambio sono altissimi! Molto meglio invece nei Money Change delle città. Se, invece, preferite prelevare non avrete difficoltà a trovare ATM.

Che mezzi di trasporto utilizzare in Indonesia?

AEREO. Il mezzo più comodo e rapido per spostarsi, trattandosi di isole. Abbiamo utilizzato varie compagnie aeree: Air Asia, Garuda Indonesia, Wings Air e Lions Air. Le prime due compagnie sono prenotabili direttamente dal sito internet. Per le altre, invece, prenotare dal sito è impossibile, quindi è necessario affidarsi ad una sorta di agenzia. Il servizio è comodissimo: si prenota il volo, si riceve una mail e viene dato un codice di prenotazione con il quale nei tempi da loro indicati bisogna fare il pagamento con carta di credito (in genere dai 3 ai 7 giorni). Una volta pagato, nel giro di qualche giorno vi confermano la prenotazione inviandovi la conferma della compagnia aerea. Il sito che ho utilizzato io è questo http://ticketindonesia.info/en/index.php

TRENO. Ho utilizzato il treno per gli spostamenti nell’isola di Java (anche perché sulle altre isole visitate non esisteva il sistema ferroviario!). L’ho trovato estremamente comodo e puntualissimo! Lo consiglio per le tratte Yogykarta – Probolinggo e Probolinggo – Banyuwangy. Il biglietto si può acquistare direttamente in stazione o in alcuni supermercati Alfa Market. Se presente, chiedete di prenotare i posti nella business class, anche se noi abbiamo viaggiato anche in economy e non era così male.

TAXI. I taxi sono sempre presenti in qualsiasi città. Li utilizzerete soprattutto per spostarvi dall’aeroporto all’hotel. Cercate di utilizzare taxi con il taxi meter (sull’isola di Java usate i “blue bird”) , piuttosto che quelli che vi sparano una tariffa fissa (anche se a volte non avrete scelta!).

MOTORINO. Abbiamo utilizzato il motorino a Bali e Lombok. La prima è decisamente più trafficata rispetto alla seconda isola. L’importante è andare piano e avere mille occhi perché i motorini vi supereranno ovunque! Gli indonesiani hanno uno strano modo di guidare … sembra che non ci siano regole!

Per guidare in Indonesia è richiesta la patente internazionale…ma …. nessuno ve la chiederà mai! Noi onestamente non ce l’avevamo e non abbiamo avuto nessun problema! Prima di partire avevo letto anche di possibili posti di blocco della polizia, ma non ci è mai capitato nemmeno quello!

Il noleggio giornaliero di uno scooter costa meno di 5€ al giorno e il pieno di benzina si fa con circa 1,20€.

Becak – tipico mezzo di trasporto di Yogyakarta

ITINERARIO COMPLETO

SCHEDA DI VIAGGIO: Indonesia

Periodo: dal 06 al 27 agosto 2017

Giorni: 22

Partecipanti: 2 persone (coppia) – età 32 anni

Spesa totale a persona: 2.450,00 € (di cui 950€ di volo intercontinentale, 300€ per 3 voli interni, 335€ per hotel e quasi sempre le colazioni comprese, 150€ per i trasporti interni (come taxi, becak, bici, motorino, barche), 180€ per le escursioni e gli ingressi nei templi, 320€ per pranzi, cene e merende, 215€ varie (treno per/da aeroporto Milano Malpensa, pasti nell’aeroporto di Dubai, souvenir, massaggi, lezioni di yoga, corso di cucina, ecc.).

Mezzi utilizzati: aereo, treni, minibus, taxi, motorino.

Bagaglio: zaino da 50 litri + zainetto “da tutti i giorni”

Tappe:

06.08.17 – Milano – Dubai (aereo)

07.08.17 – Dubai – Jakarta (aereo)

08.08.17 – Jakarta – Yogyakarta (aereo)

09.08.17 – Yogyakarta

10.08.17 – Yogyakarta – Probolinggo  (treno) – Cemoro Lawang (minibus)

11.08.17 – scalata notturna del Bromo, poi trasferimento da Cemoro Lawang a Probolinggo  (taxi) – Banyuwangi (treno)

12.08.17 – scalata notturna Ijen, poi trasferimento da Banyuwangi a Gilimanuk (Bali) in traghetto e da qui trasferimento in taxi a Ubud.

13.08.17 – 16.08.17 – Ubud

17.08.17 – Ubud – Seminiak (taxi)

18.08.17 –Seminiak – Labuanbajo (aereo) – Kanawa Island (barca)

19.08.17 – 20.08.17 – Kanawa Island

21.08.17 – Kanawa Island – Labuanbajo (barca) – Bali (aereo) – Lombok (aereo) – Kuta Lombok (taxi)

22.08.17 – 24.08.17 – Kuta Lombok

25.08.17 – Kuta Lombok – Jakarta (aereo)

26.08.17 – Jakarta – Milano (aereo)

27.08.17 – arrivo a Milano in mattinata

mappa-guatelize-01

clicca sulla mappa per ingrandirla

 

ITINERARIO

PARTENZA: Volo intercontinentale prenotato direttamente dal sito Emirates a febbraio, partenza alle 14.05 da Milano e arrivo a Dubai alle 22.10 con 6 ore di scalo e arrivo a Jakarta alle 15.40. Siamo andati direttamente in hotel con un taxi vicino all’aeroporto … nanna presto per prendere un altro volo la mattina seguente prestissimo!

Alloggio: Ibis Style Hotel –40,00 €/notte per camera matrimoniale e colazione. Hotel molto curato con una bella piscina. Posizione perfetta per andare in aeroporto dal quale dista circa 20 minuti.

PRIMA TAPPA: Yogyakarta (2 notti) – Abbiamo raggiunto la città con il volo Air Asia (25 € – prenotato direttamente dal sito della compagnia aerea) delle 5.50 del mattino e siamo arrivati alle 7.00. Abbiamo raggiunto l’hotel con un taxi (110.000 Rp).

Alloggio: Gallery Prawirotaman Hotel –38,00 €/notte per camera matrimoniale e colazione. Hotel davvero bello in un quartiere meraviglioso che consiglio a tutti. Posizione comoda e vicina a tanti locali per mangiare. Per raggiungere la zona di Malioboro basta prendere il classico “tuk tuk” al prezzo di 40.000 Rp.

Da fare: Yogyakarta è talmente carina che è piacevole anche passeggiare senza una meta precisa per le sue vie. In un giorno riuscirete a visitare: il mercato di Prawirotaman, il Taman Sari – water castle che comprende anche l’ingresso alla vicina moschea abbandonata Sumur Gumuling (ingresso 15.000 Rp + 2.000 Rp per macchina fotografica), il Kraton (ingresso 15.000 Rp + 1.000 Rp per macchina fotografica) e il grande mercato di artigianato (dove troverete tanti souvenir) Pasar Beringharjo. Per lo shopping dirigetevi a Malioboro Street.

Ma i veri protagonisti sono il Borobodur e il Prambanan. Entrambe le escursioni le abbiamo prenotate con driver privato da Via Via Tours (che vi consiglio anche per mangiare!!). Il Borobodur l’abbiamo visitato all’alba al prezzo di 465.000 Rp (prezzo già per due persone) – partenza alle 3.30 del mattino.

La visita al Prambanan invece l’abbiamo fatta per il tramonto con partenza alle 14.00 (400.000 Rp per due persone) con due soste intermedie: visita produzione caffe Luwak (30.000 Rp una tazzina di caffè) e tempio Candi Sambisari (normalmente ingresso 50.000 Rp, ma ad agosto era gratuito). L’ingresso al complesso di templi costa 325.000 Rp.

SECONDA TAPPA: Monte Bromo (1 notte) – Da Yogyakarta siamo andati con un taxi in stazione e abbiamo preso un treno per Probolinggo (prenotato il giorno prima nell’agenzia di fronte al nostro hotel al prezzo di 325.000/persona compreso taxi per la stazione e transfer in minubus da Probolinggo a Cemoro Lawang . Partenza alle 10.00 e arrivo alle 18.15. Una volta arrivati siamo saliti sul minivan e ci hanno portato al nostro hotel di Cemoro. Per entrare nella zona Bromo (e il nostro hotel era già in quella posizione) è obbligatorio pagare una tassa di 220.000/persona.

*TIP: a Cemoro non c’è praticamente nulla per mangiare … ti consiglio di comprare qualcosa al supermercato!

Alloggio: Homestay Dua Putra –17,00 €/notte per camera matrimoniale. Hotel orribile!!! Camera super spartana, bagno … non ne parliamo (non c’era nè lavandino né carta igienica). Inoltre, nonostante è risaputo essere una zona fredda, avevamo solo una misera copertina singola …. Risultato … un freddo pazzesco!!! L’unica nota positiva è la posizione!

Da fare: ovviamente andare al Bromo!! Puoi scegliere se prenotare un tour organizzato con la jeep (e puoi farlo sia da Yogya, sia a Probolinggo) oppure fare tutto da solo come abbiamo fatto noi! Nel prossimo post ti racconterò come organizzare tutto! In ogni caso la visita classica si fa di notte per vedere l’alba dal monte di fronte e poi andare sul vero e proprio cratere del Bromo! Dopo la visita siamo partiti subito per il vulcano Ijen.

TERZA TAPPA: Vulcano Ijen (1 notte) – Da Cemoro, verso le 14.00 con un taxi (450.000 Rp) siamo tornati in stazione a Probolinggo e abbiamo ripreso il treno, questa volta direzione Banyuwangy (94.000/persona) – partenza alle 16.00 e arrivo alle 20.50.

Alloggio: Puri Amalia Guesthouse – 9,00 €/notte per camera matrimoniale. Hotel estremamente semplice ma pulito e personale gentilissimo. L’hotel dispone anche di una cucina che prepara pietanze basic (riso, noodles e colazione). Anche se arrivate tardi vi preparano qualcosa da mangiare.

Da fare: se sei arrivato fin qui è per scalare il vulcano Ijen. Qui è d’obbligo organizzarsi con un’agenzia. Noi l’abbiamo prenotata con Danu’s Ocean, tramite What’s up e ci siamo trovati benissimo! La guida era molto preparata. Ecco il contatto: +6285336447347 – email ijenbluefire@hotmail.com Troverai tutti i dettagli nel prossimo post! La visita per vedere le famose fiamme blu è notturna, con partenza dall’hotel a mezzanotte e rientro intorno alle 9 del mattino.

QUARTA TAPPA: Bali – Ubud (5 notti) – Appena scesi dal vulcano, siamo tornati in hotel, abbiamo fatto colazione e siamo andati al molo (è a circa 10 minuti di taxi dalla città) e abbiamo preso il traghetto delle 10.50 che in circa 1 ora porta a Bali, nella città di Gilimanuk. Da qui, appena scesi dal traghetto abbiamo prenotato un taxi che ci ha portato in 4 ore a Ubud (700.000 Rp).

*ATTENZIONE! Da Bali avrai 1 ora in più di fuso rispetto all’isola di Java! Quindi ricordati di spostare l’orologio 1 ora avanti!

Alloggio: The Artini Resort – 49,00 €/notte per camera matrimoniale e colazione. Uno degli hotel più belli dove io sia stata. Un resort curatissimo in ogni suo angolo, una camera spaziosa e ben 2 piscine. Il tutto in stile balinese che è meraviglioso!!

Da fare: Ubud è magnifica e ti innamorerai di ogni suo angolo. Girala a piedi e in motorino, fai shopping, lasciati stupire dalla sua architettura, prova ogni giorno ristoranti diversi e fai esperienze particolari come una lezione di yoga allo Yoga Barn o un corso di cucina!

E poi Ubud è la base perfetta per visitare la zona nord e ovest dell’isola. Noi ci siamo affidati a Gusde, un driver locale (grazie a Cabira per il suggerimento!) che ci ha raccontato moltissimi aneddoti sulla sua isola, portandoci in giro per 2 giorni (un giorno zona nord e uno zona ovest). Ecco la sua mail per contattarlo baliwheels@gmail.com

In 4 giorni pieni abbiamo visitato: Monkey Forest (50.000 Rp/persona), Palazzo Reale, Pura Taman Saraswati, Pura Kehen (30.000 Rp/pax + 5.000 per l’auto), Pura Besakin (60.000 Rp/pax inclusa la guida e il trasporto in motorino per salire alla base del tempio), Penglipuran Village (30.000 Rp/pax), Pura Goa Lawah (6.000 Rp/pax+4.000 Rp per il sarong), Tirta Gangga (30.000 Rp/pax), Pura Luhur (20.000 Rp/pax), Jatiluwith Rice Terrace (40.000 Rp/pax + 5.000 per l’auto), Pura Ulun Danu Bratan (50.000 Rp/pax), lago Buyan, Goa Gajah (15.000 Rp/pax), Gunung Kawi (15.000 Rp/pax), Tirta Empul (15.000 Rp/pax + 2.000 per parcheggio scooter).

QUINTA TAPPA: Bali – Seminiak (1 notte) – Da Ubud, con un taxi (300.000 Rp), siamo arrivati a Seminiak per visitare la zona sud dell’isola.

Alloggio: Ping Hotel Seminyak Bali – 35,00 €/notte per camera matrimoniale. L’hotel è molto bello e c’è anche la piscina! La posizione è comoda sia per andare in spiaggia sia come base di partenza per spostarsi con il motorino.

Da fare: Prima di tutto noleggia uno scooter (circa 5 € al giorno). Parti al mattino e dirigiti a Jimbaran (circa 30 minuti) per comprare il pesce fresco del suo mercato e fallo cucinare dai localini sulla spiaggia, per pranzo. Poi prosegui fino a Uluwatu (30.000 Rp/persona + 1.000 Rp per lo scooter) e ammira il tempio e le altissime scogliere. Riprendi il motorino, fai sosta nella famosa Kuta e infine goditi il tramonto sulla spiaggia di Seminiak.

SESTA TAPPAIsola di Kanawa (3 notti) – Da Seminiak con il taxi (86.000 Rp, circa 30 minuti) siamo andati in aeroporto (Bali Denpasar) per prendere il volo delle 8.00 (Wings Air – 90,00 € – prenotato on line tramite questo sito) direzione Labuan Bajo e arrivo alle ore 9.15. Dall’aeroporto di Labuan Bajo abbiamo preso un taxi (50.000€) che ci ha portati all’agenzia del Kanawa Resort (che si trova in zona porto). Qui ci siamo registrati e alle 12.00 è partita la barca per l’isola (circa 1 ora).

Alloggio: Kanawa Resort – 27,00 €/notte per bungalow con letto matrimoniale. L’isola è un paradiso. Il resort no! Purtroppo è tenuto e gestito malissimo! Non c’è organizzazione, né disponibilità da parte del personale e i bungalow avrebbero bisogno di una bella ristrutturazione! Peccato … è proprio un Paradiso abbandonato!

Da fare: Snorkeling e immersioni (il mare e i suoi fondali sono pazzeschi!!! A pari merito con la Malesia … per me il mare più bello dove immergersi!). E poi relax … e ovviamente una visita al Parco di Komodo per vedere i famosi ed enormi draghi!

SETTIMA TAPPALombok – Kuta (4 notti) – Da Kanawa il viaggio per arrivare a Lombok è un po’ lungo, ma fattibile in giornata: barca da Kanawa a Labuan Bajo (partenza ore 8.00 dall’isola), volo delle 16.00 fino a Lombok Mataram con scalo obbligatorio a Bali (Garuda Indonesia – 133,00 €) e arrivo alle 20.15. Infine, taxi dall’aeroporto per Kuta (100.000 Rp, circa mezz’ora).

Alloggio: Bombora Bungalow – 30,00 €/notte per bungalow con colazione. Un delizioso complesso con solo 8 bungalow in stile Sasak disposti attorno ad una piscina. Uno degli alloggi più belli della vacanza! L’unica pecca … non c’è acqua calda!

Da fare: noleggia un motorino (60.000 Rp/giorno) e gira per le spiagge selvagge di Lombok. Nella zona est ti consiglio Tanjung Aan, Batu Kotak, Pantai Seger e la spiaggia del Novotel; a ovest non perdere la spiaggia di Mawuni, la spiaggia dei serfisti Mawi e la bellissima Selong Blanack. Se hai tempo fai un giro anche nell’entroterra fino a Sengkol, passando da un villaggio Sasak.

*DA SAPERE: in ogni spiaggia c’è da pagare il parcheggio per lo scooter …. 10.000 Rp!

OTTAVA TAPPAJakarta (1 notte) – Da Lombok abbiamo preso il volo delle 12.40 (Lion Air – 52,00 €) destinazione Jakarta!

Alloggio: FM7 Hotel – 45,00 €/notte per camera matrimoniale con colazione. Hotel molto bello, in stile occidentale. Posizione comoda, vicino all’aeroporto.

Da fare: abbiamo scelto di non visitare Jakarta, ma dopo aver trascorso qualche ora in hotel, siamo tornati in aeroporto per prendere il volo intercontinentale.

Ma grazie all’overbooking di Emirates … siamo partiti il giorno seguente e per “farsi perdonare” la compagnia aerea ci ha fatto uno dei migliori regali che un viaggiatore potrebbe desiderare: 2 biglietti aerei validi 1 anno con destinazione aperta! Oltre ad averci pagato hotel, trasporti e pasti!

Un regalo meraviglioso ed inaspettato che ci ha fatto concludere la vacanza in maniere indimenticabile!

7 thoughts on “[INFO POST] Indonesia

  1. Chiara says:

    Ciao Gina io sono Chiara. Non so se ti ricordi di me. Sono quella ragazza che hai conosciuto in Indonesia…precisamente sulla barca che ci portava da kanawa a Labuan bajo. Sono la figlia di quel signore che si è messo a parlare con voi e a mia mamma hai dato il bigliettino per il tuo blog. Mi farebbe molto piacere se ti ricordassi di me. Volevo dirti che il tuo blog è fantastico. Non faccio altro nel tempo libero se non guardare tutte le foto che posti o i racconti delle tue esperienze. Mi piace veramente molto e le foto sono fantastiche. Fammi sapere se ti ricordi di me. Ciao❤

    • gina says:

      Ciao Chiara!!!! Ma certo che mi ricordo di te!!!
      Ma sei dolcissima e le tue parole mi riempiono di gioia!!
      Quando avrai bisogno per i prossimi viaggi, sia in famiglia sia da sola, scrivimi!!
      Un bacio grande e chissà se ci rivedremo in giro per mondo!!

  2. I post che adoro! Per me che sono un’organizzatrice quasi maniacale trovare questi post così dettagliati è il top!
    Il viaggio deve essere stato una meraviglia, che colori ragazzi! Ci avete fatto proprio venire una gran voglia di partire!
    A presto
    Erica

    • gina says:

      Ciao Erica!! Grazie!!! Sono tanto felice di sapere che questo post possa essere utile!!
      Anche io sono una che cerca articoli e racconti dettagliati e quindi in viaggio raccolgo più informazioni possibile per poter aiutare i viaggiatori:)
      L’Indonesia è spettacolare!!
      Ciao!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *